Su Coccoi: un pane di pasta dura della tradizione sarda

La Ricetta del Lettore
Su Coccoi, conosciuto anche con il nome di Coccoettu, è un pane di pasta dura tipico della tradizione sarda. Gli ingredienti semplici che caratterizzano questo pane, quasi si contrappongono alla laboriosa lavorazione e alla certosina decorazione effettuata con le forbici.

Per la lievitazione de Su Coccoi si utilizza solitamente “Su Framentu”, sa madrighesu ghimisonesu pane ‘onusu prementu sardu, su frammentalzu. Questi sono solo alcuni dei modi con cui viene indicato il lievito madre o la pasta madre. Il lievito madre è un qualcosa di magico, di antico, di prezioso, è vita che genera la vita perché è in grado di auto generarsi e di generare. Ė forse questa la ragione per la quale il lievito madre in Sardegna è donna. Si tratta di una pasta fertile in grado di produrre il pane e quindi la vita. O forse la ragione sta nel fatto che, in tempi antichi, la panificazione era un rito magico riservato alle donne, che attraverso i racconti tramandavano ad altre donne la tradizione davanti al forno.
Come accennato in precedenza “Su Framentu” è un ingrediente fondamentale per la preparazione de Su Coccoi. Ipotizzavo venisse fatto in tutta la Sardegna nel medesimo modo, ma in realtà non è così… Infatti, riprendendo la tradizione femminile, ho chiesto ad alcune sarde doc, Agnese, Patrizia, Laura e Rosaria di condividere con me le loro conoscenze ed esperienze. Donne diverse provenienti da differenti realtà geografiche: Nuorese, Medio Campidano, Gallura, Ogliastra. E, a loro volta, fantastiche come sempre, hanno chiesto a zie, cugine, o riportato l’esperienza delle loro mamme.
Non esiste una ricetta ufficiale per “Su Framentu” ma, come spesso capita in Sardegna, esistono diverse varianti. Infatti “Su Framentu” può essere realizzato semplicemente con acqua e farina; oppure con acqua, farina, miele ed un goccio d’olio. In entrambi i casi si impastano gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Lo si copre in seguito con un canovaccio umido e lo si lascia riposare per un paio di giorni in un luogo caldo. Successivamente lo si rinfresca aggiungendo farina ed acqua e lo si lascia riposare, sempre coperto con un panno umido per alcuni giorni. Eseguito questo procedimento più volte “Su Framentu” è pronto per essere utilizzato.

-Ogni volta che si impastava il pane, mia madre teneva un pezzo dell’impasto “Su framentu”, appunto, che sarebbe servito ad innestare la vita all’impasto successivo, utilizzandolo come lievito madre-.

Agnese

Abbiamo parlato tanto di donne ma questi meravigliosi Coccoetti sono la brillante creazione del nostro amico e lettore Riccardo, il quale usa farina, acqua e miele (o zucchero) per creare il “suo Framentu”. Riccardo inizia prima a lavorare in un forno di Monserrato ma oggi porta la sua maestria e conoscenza in giro per l’Europa dove è un apprezzato professionista nel suo campo.

Su Coccoi
Su Coccoi

Su Coccoi o Coccoeddu pane di pasta dura della tradizione sarda

Realizzate del nostro lettore Riccardo. Complimenti e grazie del supporto

Ingredienti per la realizzazione de Su Coccoi
  • 1   kg Semola rimacinata
  • 30 gr Lievito Madre “Su Framentu” (alcuni usano anche il Lievito di birra nella quantità di 40 gr)
  • Acqua tiepida quanto basta
  • Sale quanto basta
Come preparare l’impasto de Su Coccoi
  1. In primo luogo impastare la semola, il lievito madre (o il lievito di birra) e l’acqua tiepida leggermente salata, aggiunta poco alla volta
  2. Lavorate a lungo l’impasto fino a farlo diventare quasi bianco, continuando ad aggiungere l’acqua salata
  3. Alla fine l’impasto dovrà risultare omogeneo, elastico e consistente. Quando si sarà ottenuto tale risultato coprite l’impasto al fine di farlo riposare per circa un’ora e mezza
  4. Successivamente coprire l’impasto e lasciarlo riposare per circa un’ora e mezza
La magica trasformazione de Su Coccoi dopo la prima lievitazione
  1. Trascorso il tempo necessario alla lievitazione, riprendere l’impasto e ricavarne dei cilindri allungati che modellerete a vostro piacimento usando le forbici o una rotellina tagliapasta dentata
  2. A questo punto sistemare i pani appena realizzati su panni da cucina leggermente infarinati, coprite e lasciate lievitare per almeno 2 ore
  3. Infine infornare i pani a 250˚C e cuocere per circa 45 minuti

Seguici anche sui nostri canali

Oppure iscriviti alla nostra Newsletter per essere sempre aggiornato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *